Perla

Scoprila in foto :

Le perle “ fini “ sono menzionate nei testi risalenti al 2300 aC. e la più antica collana data dal V secolo aC. Erano l'oggetto del desiderio degli imperatori romani, di Cleopatra, degli imperatori cinesi, dei Maharaja in India. Le perle in Europa godettero di grande voga quando i crociati le riportarono da est e il XVI secolo fu chiamato anche il secolo della perla.
Vengono " fabbricate " da molluschi marini e d'acqua dolce e sono composte di carbonato di calcio (calcite e aragonite) e da una sostanza organica cornea, la conchiolina.
Quando un corpo estraneo ( un granello di sabbia, un parassita, un alga ) entra nella carne di una conchiglia, questa reagisce secernendo della materia perlifera per proteggersi ed espellerlo. Tutte le conchiglie sono in grado di produrre "perle" ma sono le ostriche, le pinctada, che assomigliano alle ostriche Marennes che producono le più belle. Le perle perfettamente sferiche sono molto rare, quelle che sono chiamate erroneamente " barocche "
I loro colori : bianco, rosa, argento, crema, oro, nero-blu ... dipende dalla conchiglia che fabbrica la perla e dall' ambiente in cui vive.
La loro brillantezza satinata molto speciale è dovuta a ciò che chiamiamo " l'Oriente ", causata dalla penetrazione della luce attraverso gli strati più sottili della perla ( sovrapposizione di strati di aragonite e conchiolina ), che provoca dei fenomeni di interferenza luminosa (iridescenza) e di "lucentezza", la riflessione in superficie della luce. La combinazione di questi due fenomeni fa si che la perla non abbia eguali tra le gemme.
Si chiama "Keshi", che è il nome di un seme di papavero in giapponese, una sorta di mancata perla che si forma da madreperla secreta da un innesto durante il rigetto del nucleo. "Mabe" è il nome di una semi perla incastonata nella madreperla. La " perla d’ Akoya " è il nome della perla di cultura tradizionale del giappone.
La Perla " conch " non è fatta di madreperla come le altre perle ma è una concrezione calcarea e non ha nocciolo ne nucleo. Viene prodotta dalla conchiglia Strombus Gigas che è un mollusco che si trova nella regione dei Caraibi. Può essere considerata come una perla fine perche’ prodotta senza intervento umano. Questa perla è rara : un mollusco ogni 100.000 ne contiene una, generalmente di dimensioni ridotte, meno di 3mm e di forma barocca. Le forme regolari assomigliano un uovo. Possono essere marroni, rosa, gialle, bianche e dorate a volte. La color salmone è la più ambita, la marrone e bianca anche. La raccolta di questa perla è artigianale, sono i pescatori che le scoprono estraendo la carne del mollusco che è commestibile.

Luogo di estrazione

Si trovano le ostriche perlifere, della dimensione di una mano, in banchi, a una profondità di 15-20 metri, nel Golfo Persico, nel Golfo di Mannar (tra l'India e Sri Lanka).
Altre ostriche perlifere, che arrivano fino a 30 cm di diametro sono note lungo le coste della ex Birmania, delle Filippine, delle Isole del Pacifico, Australia e America Centrale.
Il Giappone rimane il più grande produttore al mondo . Le coste della Polinesia ospitano ostriche che producono perle nere rinomate.
C'è solo un’ ostrica ogni circa trenta o quaranta che contiene una perla. Sono pescate in apnea.
Le perle naturali o perle fini, si producono senza l'intervento umano e sono attualmente una rarità. Il commercio mondiale è oggi basato su perle coltivate.
La commercializzazione di perle coltivate, di acqua di mare, è cominciata in Giappone nel 1920 : Mikimoto ha avuto l'idea di introdurre una pallina di madreperla con un pezzo di cellule epiteliali nella gonade delle ostriche. Ha ottenuto delle perle bianche "Akoya" di diametro da 2 a 8 mm. Dal 1960, nei mari del sud e in polinesia francese, troviamo la coltivazione di perle bianche, grigie e dorate, più grandi. I diametri arrivano fino a 20 mm.
La perle d'acqua dolce erano conosciute nel Nord Europa da sempre, sono molto piccole, ma sono state ampiamente utilizzate per ricami, icone ... si trovavano nelle " unios ". Dal 1960, le prime perle di acqua dolce coltivate provengono dal lago Biwa in Giappone. Sono 20 innesti senza nocciolo di madreperla, che vengono introdotti nel mantello.
La Cina si è lanciata dal 1970 nella produzione industriale di perle d'acqua dolce, la cui qualità e dimensione sono in costante miglioramento. La produzione si esprime in tonnellate.

Guarda le foto delle miniere / altre foto

Utilizzo in gioielleria

Le perle sono montate in collane, orecchini, anelli o su spille, o corone, diademi ... In una collana, a uno o più giri , o sono tutte dello stesso diametro, oppure di diametro variabile " girocollo ", le più grandi situate nel centro “ a cascata "
il diametro del foro è fissato da norme internazionali : 0,3 mm per le naturali, 0,5 mm per quelle di cultura.
Vengono valutate in base a molti criteri complessi e il loro peso si esprime in grani (0,05 g o 1/4 carati), la parola "cultura" è da aggiungere imperativamente.
La " mabe " è una mezza perla di cultura utilizzati per orecchini o anelli.
La perla è la "pietra" per l ‘anniversario del terzo anno di matrimonio e anche del 30 ° anniversario di matrimonio.

Cura e manutenzione quotidiana

Di bassa durezza, sensibile agli urti, si graffiano a contatto con le pietre dure, Si devono indossare e riporre con cautela. Vengono attaccate dagli acidi, i cosmetici, i profumi, gli spray per capelli, la sudorazione. Temono il caldo : contengono il 2% di acqua, "invecchiano" per disidratazione della conchiolina, diventando spente e screpolandosi. La loro durata è imprevedibile.
Visite periodiche ad un professionista per il loro mantenimento sono raccomandate. Dopo averle indossate, devono essere asciugate una ad una con una pelle di camoscio.

Pietre simili

madreperla

Litoterapia storica e culturale

La perla sferica dalla lucentezza discreta, simbolizza la perfezione femminile ed in India, le si attribuiscono le qualità della Madre Divina, cioè la bellezza, dolcezza, protezione, forza generatrice. Ci ricorda che ogni esperienza dolorosa della vita può essere trasformata in un'opportunità e portare verso la perfezione. La perla ci insegna che aiutando un intruso, senza cacciarlo, che se lo si accetta senza pregiudizi, un processo di sviluppo interiore sarà in grado di portare alla nostra coscienza un sentimento, alcune ferite saranno dimenticate e rimosse per farci scoprire alcuni blocchi emotivi e risolverli.
Si dice che indossate come una collana, le perle proteggano dalla sventura, conservando l’ amore e la bellezza della gioventù. Scaccerebbe i terrori notturni, La polvere di perle mescolata con succo di limone era considerato nell'antichità come un tonico. E’ stato scritto che si estraeva dalla perla una essenza (?), che combinata con della melissa, rimuoveva i foruncoli dela pelle, le piaghe e che questa, mescolata con il succo di lignum vitae ( gaiac ), fosse un rimedio contro le malattie veneree.
Siccome catturerebbero fortemtente le vibrazioni di chi le indossa, queste, dovrebbero essere neutralizzate da immersione in sale marino puro o acqua di mare salata e poi farle asciugare delicatamente ed esporle al chiaro di luna .
Aprono il chakra del plesso solare per accedere al corpo mentale e se il colore della perla ha un ruolo, è sempre tranquillizzante, essendo il riflesso di se stessi, impegnandosi alla manifestazione della verità. Il suo effetto di ingrandimento esagera i difetti rivelati, per una migliore conoscenza e controllo. Quando è nera, diventa protettiva e le sue sfumature sempre presenti inducono anch’ esse effetti sfumati sul corpo e lo spirito, lavora perfettamente sul chakra di base mentre le tre bianche vanno ai chakra superiori. Per la sua purezza, associata con Afrodite, renderebbe irresistibili, conferendo pazienza, delicatezza, tenerezza, calmando lo spirito rivoltoso.

Imitazioni e trattamento

La loro imitazione, ovviamente, non è rimasta ignorata. La più comune è la pallina di vetro, smalto, plastica ... ricoperta da un rivestimento a base di scaglie di pesce (essenza d'oriente) o da un sale di piombo o bismuto (pericoloso).
E’ vietata la vendita di perle "Akoya" annerite con sali d'argento, senza farne menzione.
Nel Mediterraneo, sono vendute perle chiamate di "majorica" completamente artificiali.

Miglioramenti e abbellimenti

Le perle possono essere sbiancate o tinte leggermente per avere un colore rosato ... questi trattamenti sono ammessi.
Si migliora la perla fine rimuovendo uno strato sottile ... dopo aver perso il suo " oriente", si dice allora che si spela.

Pietre storiche e leggende

La più grossa conosciuta, la " Perla d 'Asia ", uscita da una conchiglia, pesa 575 carati. La Hope, conservata presso il Museo Geologico di Londra, di 5 cm di lunghezza, pesa 454 carati (90,8 g).
La mitologia indù dice che il dio Krishna le ha estratte dal fondo del mare per adornare sua figlia Pandaia il giorno del suo matrimonio. Afrodite esce dalle onde e accosta Citera su una conchiglia di ostrica perlifera. Plinio (Storia Naturale, libro IX), sostiene che, stimolate dalla nuova stagione, le conchiglie si aprivano, riempendiosi con gocce di rugiada che si trasformavano in perle, che rispecchiavano la qualità della rugiada (bianche con una rugiada colore puro, grigie se la rugiada era sporca), un cielo tempestoso le rendeva pallide
il Vangelo di San Matteo dice che "il regno dei cieli è simile a un mercante in cerca di perle fini : avendone trovata una di gran valore, va a vendere tutto quello che possiede per comprarla ".
Nel Medioevo, leggiamo che " la madreperla è incinta dei cieli e vive solo di nettare celeste per partorire la perla argentina, o pallida, o giallastra, a seconda di che sole le si dà e che la rugiada sia la piu pura.” ( Rene Francois, Saggio delle meraviglie della natura e dei piu’ nobili artifici, Parigi, 1657).
La perdita di una perla sarebbe annuncio di una prossima grande disgrazia ed è da citare un aneddoto circa il conquistatore Cortez che, esibendo sul ponte della sua nave che lo riportava in Spagna, una perla molto grande che aveva evidentemente rubato, essa gli sfuggi’ e cadde in mare : non regno’ mai piu’ sul Nuovo Mondo ...

Caratteristiche chimiche

carbonato di calcio e materiale organico

Caratteristiche fisiche

Colore principale : bianco

Altri colori : blu, grigio, giallo, nero, rosa, verde

dipende dal colore degli strati esterni di conchiolina secreti dall’ animale in funzione della sua specie e del suo ambiente.

Colore della polvere : bianco

Lucentezza : perlato

Durezza : 2.5 a 4.5

Densità : 2.60 a 2.90

Sfaldatura : nessuno

Frattura : irregolare

Proprietà ottiche

Trasparenza : traslucido, opaco

Rifrangenza : 1.500 - 1.690

Birifrangenza : 0.155

Forte

Sdoppiamento : no

Pleocroismo : assente

Numero di colori : 1

Fluorescenza : variabile

Fluorescenza debole per le perle di origine marina, da rossa a rossastra per le perle nere naturali, forte e verde pallido per le perle d'acqua dolce.

Cristalli

Struttura microcristalllina

Sistema critallino : ortorombico

Altre informazioni

Segni zodiacali : ariete, gemelli, bilancia, capricorno

Segni zodiacali cinesi : coniglio

Mese : giiugno

In vendita nelle nostre boutiques
Collana  Perla di coltura 110€ IVA esclusa

Collana
Perla di coltura

110€ IVA esclusa

Collana Oro rosa Perla e Tormalina 360€ IVA esclusa

Collana Oro rosa
Perla Tormalina

360€ IVA esclusa

Guarda tutte le offerte
Corrispondenze
astrologico
  • ariete ariete
  • gemelli gemelli
  • bilancia bilancia
  • capricorno capricorno

Il Capricorno per le perle nere. Tutte le perle portano dolcezza, sollievo, protezione.

Segno astrologico cinese :
  • coniglio coniglio

Raffinato, discreto, la perla gli porta controllo di se’, ingegnosita’ e fedelta’. Lo rende meno improvvisato, segreto, pauroso.