La purezza dei diamanti e delle pietre preziose.

Le impurità, chiamate inclusioni, nelle pietre preziose, sono ancora più fastidiose e visibili quando il colore della pietra è chiaro e la sua lucentezza bassa, la brillantezza del diamante riduce l'effetto delle piccole inclusioni.

Le pietre preziose completamente pure non esistono... quantifichiamo le inclusioni esaminando le pietre con l’aiuto di una lente di ingrandimento di 10 X e posizioniamo la pietra su una scala che va dal più puro al meno puro.

Una codificazione concordata internazionalmente permette di posizionare una pietra su questa scala.

IF
Internamente impeccabile Pietra pura nessuna inclusione visibile alla lente di ingrandimento 10 X
 VVS Inclusioni molto molto piccole (s)

Inclusioni molto molto piccole (s) Inclusioni molto molto piccole (s) molto difficilmente visibili da vedere sotto la lente di ingrandimento 10 X.

Il numero e la posizione delle minuscole inclusioni permette di codificare le pietre in "VVS1" e "VVS2".

 VS Inclusioni molto piccole Inclusioni molto piccole difficilmente visibili sotto la lente di ingrandimento 10 X.

Il numero e la posizione delle picocle inclusioni permette di codificare le pietre in "VS1" e "VS2".


 SI Piccole inclusioni Piccole inclusioni visibili con lente di ingrandimento 10X, quasi invisibili a occhio nudo.

La sfumatura "SI1" e "SI2" dipende dalla natura delle inclusioni, dal loro numero e la loro posizione nella pietra.

In generale, queste inclusioni non influenzano la brillantezza dei diamanti.


SI3

Questa classificazione non è riconosciuta dai grandi laboratori che rilasciano i certificati di autenticità, essa corrisponde ad una posizione intermedia tra " SI" e "I".
I
Inclusa Pietre Inclusa Pietre contenenti inclusioni ben visibili sotto la lente di ingrandimento 10 X e ad un occhio nudo sperimentato.

Il numero, la dimensione e la posizione delle inclusioni determina la codificazione "I1" o "I2". Queste inclusioni influenzano la brillantezza dei diamanti in particolare per la categoria "I2".

"I3" Le dimensioni delle inclusioni visibili ad occhio nudo disturba la brillantezza delle pietre.

A volte si usa il termine " pique’ " invece di " I ", quindi si ottiene "Piqué 1", "Piqué 2" e " Piqué 3".